Pasta con peperoni e salsiccia!

ottobre 28, 2014

Qualche tempo fa vi parlavo in un altro post di un’azienda vinicola che ci fa spesso compagnia a tavola: Cantine Settesoli.
Nel presentarvi alcuni vini rossi, vi avevo proposto alcuni gustosi abbinamenti e poichè diversi lettori mi hanno chiesto nel dettaglio le ricette...et voilà! 
Prendete carta e penna (o almeno premete il tasto stamp) e segnatevi ingredienti e procedimento della...
Pasta con peperoni e salsiccia!
Ingredienti (x 2 persone)
  • pasta corta (io consiglio le pennette rigate, ma anche gemelli o fusilli corti q.b.) in media 80-100 gr/testa
  • Passata di pomodoro
  • Olio extra vergine di oliva
  • sale
  • peperoncino
  • due salsicce (io uso il tipo Napoli, meno speziato di molte altre)
  • Un peperone grande o due piccoli
  • panna da cucina 100-120 gr.
  • Parmigiano/grana grattugiato in abbondanza
Procedimento
Cominciamo con il pulire bene i peperoni, quindi laviamoli all’esterno, poi tagliamoli a metà, ripulirli di tutti i semini e i filamenti interni e poi tagliarli a listarelle prima, a quadratini poi.
Riponiamoli in una padella alta (io uso un wok in ceramica), irroriamo d’olio extravergine, distribuiamo un po’ di peperoncino spezzettato, saliamo leggermente (senza esagerare, ricordiamo che fra un po’ aggiungeremo la salsiccia e alla fine il formaggio che potrebbero rendere il tutto troppo saporito) e lasciamo cuocere per un po’ di tempo, finchè non li vedremo imbiondire leggermente.
A questo punto aggiungiamo la salsiccia che avremo precedentemente spellato e sbriciolato e lasciamo cuocere insieme ai peperoni.

Quando la salsiccia sarà cotta (vi accorgerete che avrà formato un po’ di sughetto) aggiungere la passata di pomodoro (non molta, dipende dai vostri gusti, io ne metto circa 250 ml), mescolare bene con il cucchiaio di legno e far cuocere tutto insieme.
Quando la salsa sarà pronta, spegnete momentaneamente e fate riposare, mentre avrete messo su la pentola dell’acqua per cuocere la pasta.
Vi raccomando due cose:
  1. Non salate troppo l’acqua di cottura, ricordate che è un sughetto ben saporito
  2. Usate pasta di ottima qualità, preferibilmente trafilata al bronzo e scolatela al dente, perchè alla fine andrà saltata in padella insieme al sugo, non vorrete rischiare di mangiarla scotta?
Quando la pasta sarà quasi cotta, aggiungete al sughetto precedentemente preparato la panna da cucina e una generosa spolverata di parmigiano grattugiato, mescolate bene, riaccendete il fornello e lasciate amalgamare a fiamma bassa.
Scolate la pasta (al dente, ripeto) e versatela nella padella del sugo e fatela  saltare un pochino perchè i sapori leghino per bene.
A questo punto, se lo gradite, spezzettatevi un po’ di basilico fresco e servite fumante in tavola con o senza parmigiano grattugiato (io ne metto molto nel sugo, quindi evito, ma de gustibus).
E’ un piatto sostanzioso, adatto al pranzo domenicale, solitamente più ricco, oppure come piatto unico, se volete tenervi più leggeri.
Il risultato
L’ultima volta che l’ho preparato, ho usato un formato di pasta che si chiama gemellini una specie di fusilli corti di dimensioni ridotte, abbinandolo appunto al vino rosso Merlot Cantine Settesoli
Merlot Settesoli

Detto ciò...buon appetito!!!

stampa la pagina

You Might Also Like

0 commenti

Inviando il commento, accetti la POLITICA PER LA PRIVACY

Conformemente alla normativa attuale per la privacy (GDPR), ricordo che da parte dei visitatori è possibile tanto commentare scegliendo di usare un account sulla piattaforma google disponibile nel form, quanto scegliere di non lasciare alcun dato evidente utilizzando l'opzione ANONIMO o l'opzione URL/NOME nella quale si può anche indicare solo un nome (reale o di fantasia) senza indicare alcun URL
In nessun caso i dati dei visitatori saranno divulgati o venduti a terzi

Follow me on Twitter

Like us on Facebook